Vai al contenuto principale

La cabina armadio in formato mini

Con qualche soluzione pratica e un po' di inventiva, un piccolo angolo può trasformarsi in una cabina armadio comoda e accogliente. Ecco come…

Abiti, giacche, cappotti e uno specchio con vassoio appesi a un binario sullo sfondo di una parete nera - IKEAd a mirror with a small tray hanging on a rail against a black wall.
Abiti, giacche, cappotti e uno specchio con vassoio appesi a un binario sullo sfondo di una parete nera - IKEAd a mirror with a small tray hanging on a rail against a black wall.

1. La combinazione smart per ogni spazio Per organizzare un piccolo spazio l'ideale è partire dalle proprie esigenze. Sofie ha scelto una soluzione che sfrutta l'altezza della parete, riponendo gli oggetti di uso meno frequente nelle scatole sullo scaffale più alto, e una scarpiera a muro per le scarpe. La piccola panca che ha sistemato sotto l'appendiabiti trasforma uno spazio inutilizzato in una comoda seduta per infilarsi le scarpe.

2. Un posto per le piccole cose Gli oggetti più piccoli sono sempre i più difficili da ritrovare, ma con un pratico vassoio nel posto giusto sono sempre a portata di mano.

3. A misura di bambino Basta poco per coinvolgere i bambini e farli sentire più indipendenti. ‘Cerco di pensare alla casa anche dal punto di vista dei bambini,’ racconta Sofie. ‘A mio figlio piace molto essere in grado di prendersi da solo il cappotto e le scarpe che vuole indossare.’

4. A ogni contenitore, la sua etichetta Contenitori, cassetti e mobiletti sono una buona soluzione per tenere in ordine e al riparo dalla polvere i capi usati meno di frequente. Contrassegnare il contenuto con le etichette aiuta a trovare tutto più facilmente quando serve.

Ci piace vedere fino a che punto arriva la creatività dei nostri clienti con i prodotti IKEA. Ricorda però che le modifiche apportate al prodotto rispetto alla sua forma e alla sua funzione originale fanno decadere la garanzia e il diritto al reso.

REALIZZATO DA
Interior stylist: Pernilla Warnhammar
Foto: Lina Ikse