Vai al contenuto

Più che coinquilini, una famiglia

Quali sono i segreti per sentirsi a casa in un appartamento condiviso? Scegliere di vivere con altre persone è un fenomeno sempre più diffuso, per questo l’interior designer di IKEA Hans Blomquist ha creato un appartamento per tre coinquilini che offre un perfetto equilibrio tra condivisione e privacy.

Un vivace ambiente adibito a soggiorno e studio con pareti decorate, un divano, tavolini bianchi e neri, lampade, sedie, tappeti e una vecchia scala - IKEA
Un vivace ambiente adibito a soggiorno e studio con pareti decorate, un divano, tavolini bianchi e neri, lampade, sedie, tappeti e una vecchia scala - IKEA

Una casa dove sentirsi a casa

L'ultimo Life at Home Report di IKEA ha messo in luce i cinque bisogni emozionali da soddisfare per sentirsi a casa. Uno di questi è il senso di appartenenza, il bisogno di essere accettati e sentirsi parte di un gruppo. È proprio questa l’idea che ha ispirato questo appartamento condiviso da tre coinquilini, che comprende aree comuni per stare in compagnia e spazi intimi per i momenti in cui si preferisce rimanere da soli.

Componibile, versatile e facile da trasformare

In una casa in cui si vive in tanti, è importante trovare soluzioni versatili. Mobili con le rotelle e strutture leggere, come gli sgabelli, sono facili da spostare e impilare. Tanti piccoli tavoli si possono unire per formare un grande tavolo oppure utilizzare separatamente dove servono. L'asso nella manica? Un elemento facile da personalizzare, come i mobili in legno della serie IVAR.

Spazio ottimizzato fino al soffitto

È essenziale che le aree comuni siano multifunzionali. In cucina, si può fare colazione e studiare sullo stesso tavolo. Grazie ai pannelli portaoggetti lungo l'intera parete è infatti possibile appendere tutto il necessario per cucinare, compreso un piano cottura portatile, e avere anche qualche ripiano da dedicare alla cancelleria. I faretti con morsetto, invece, si agganciano facilmente ai pannelli e permettono di puntare la luce dove serve.

Stile minimal, massima funzionalità

Tutte le camere da letto sono studiate per essere un luogo in cui poter svolgere diverse attività rispettando la propria privacy. Un letto impilabile può essere usato anche come divano per il relax o diventare un letto matrimoniale se si ospita qualcuno, mentre un mobile con tavolo pieghevole IVAR permette di avere una scrivania che sparisce quando non serve. Infine, i materiali naturali, come legno e cotone, abbinati a nuance delicate rendono l'ambiente confortevole e armonioso.

L'organizzazione c'è ma non si vede

Il punto di forza di questa camera in bianco e nero sono le numerose soluzioni per tenere tutto in ordine e a portata di mano. La struttura letto è dotata di cassetti incorporati e di un vano contenitore nella testiera, mentre il tavolo nasconde due pratici scomparti per riporre libri e accessori.

La stanza dei sogni

Le camere sono anche il luogo in cui coltivare le proprie passioni. Nell’ultima camera da letto, il team IKEA mostra come si può arredare con stile senza spendere una fortuna. Al centro della stanza, un grande letto sovrastato da lampadari bassi e ricoperto di morbidi cuscini è il protagonista della scena. La rastrelliera MACKAPÄR e uno specchio da parete creano un angolo guardaroba in cui tenere in mostra i vestiti, che danno colore all'ambiente.

Pensata per la condivisione

Questa casa vuole trasmettere un senso di connessione e di equilibrio. Gli ambienti comuni sono progettati per i momenti di condivisione. In soggiorno, mobili versatili, come il divano letto, permettono di adattare facilmente lo spazio in base alle esigenze. Nelle zone più trafficate della casa, come il bagno e l'ingresso, i mobili si moltiplicano per tre, perché ognuno abbia sempre il proprio spazio. Le camere da letto invece sono perfette per staccare la spina quando si vuole stare da soli.

Una piantina dell’appartamento condiviso creato da Hans Blomquist, interior designer di IKEA.

Ci piace vedere fino a che punto arriva la creatività dei nostri clienti con i prodotti IKEA. Ricorda però che le modifiche apportate al prodotto rispetto alla sua forma e alla sua funzione originale fanno decadere la garanzia e il diritto al reso.

Interior designer: Hans Blomquist
Foto: Per Gunnarsson