Indietro alla pagina principale

Lavorare con il Gruppo IKEA

Diversità e inclusione

Essere noi stessi e offrire un contributo con la nostra unicità, fa crescere tutti noi
L'attenzione verso le persone, la diversità e l'inclusione sono elementi fondamentali alla base della nostra visione strategica e dei nostri valori. Nel Gruppo IKEA vediamo la diversità e l’inclusione come la cosa giusta da fare. Riconoscere le differenze dei nostri collaboratori contribuisce alla creatività e sostiene la nostra crescita. Ci impegniamo costantemente per creare un ambiente di lavoro inclusivo e vario, in cui collaboratori e collaboratrici sono apprezzati per la loro unicità e capacità e dove tutti e tutte possono essere se stessi/stesse.
In breve: crediamo che l’unicità di ogni singola persona renda migliore IKEA!
Un collaboratore IKEA, con maglietta gialla e nera, aiuta due clienti in negozio - IKEA
Il 17 maggio, il Gruppo IKEA celebra l'IDAHOT. Sii te stesso sul lavoro!
Sii te stesso sul lavoro!
Il 17 maggio il Gruppo IKEA celebra l'IDAHOT (la giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia) per difendere i diritti delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e di ogni orientamento sessuale e identità di genere. Nel 2018 ci concentreremo sull'inclusione delle persone transessuali.
Il 17 maggio, il Gruppo IKEA celebra l'IDAHOT. Sii te stesso sul lavoro!
Perché l’IDAHOT e l’inclusione delle persone LGBT+ sono importanti per il Gruppo IKEA?
Facciamo tutto il possibile per garantire l'equità, perché pensiamo che sia la base dei diritti umani. Sosteniamo il diritto dei collaboratori LGBT+ di essere se stessi e offriamo a tutti pari opportunità per crescere e contribuire al successo del nostro business. Quest'anno ci concentreremo sull'inclusione delle persone transessuali e il 17 maggio avvieremo la prima fase del piano che abbiamo elaborato a questo scopo. Attraverso delle schede informative sul tema, vogliamo migliorare la consapevolezza, la comprensione e la competenza dei nostri leader e co-worker.

Quali sono gli obiettivi che il Gruppo IKEA intende raggiungere?
Vogliamo creare un ambiente di lavoro totalmente inclusivo. Includere le persone LGBT+ significa essere consapevoli dei nostri pregiudizi inconsci verso le persone con un diverso orientamento sessuale o una diversa identità di genere, e attivarsi per superarli. Abbiamo creato dei moduli Learning in the Business, relativi alle tematiche LGBT+, che includono scenari tratti dalla vita reale, con l'obiettivo di sviluppare le competenze necessarie per gestire la diversità di orientamento sessuale e di identità di genere negli ambienti di lavoro. Inoltre, vogliamo creare un’infrastruttura che permetta di trattare tutti equamente, indipendentemente dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere.
Intervista ad Antonio Cavalli, Diversity and Inclusion Development Leader del Gruppo IKEA.
“Celebrare l'IDAHOT significa impegnarsi a creare un ambiente di lavoro inclusivo, dove tutti i nostri co-worker LGBT+ possano sentirsi accolti, rispettati e apprezzati per ciò che sono. Nel 2018 ci concentreremo sull'inclusione delle persone transessuali.”
Antonio Cavalli,
Diversity and Inclusion
Development Leader del Gruppo IKEA
Il 17 maggio il Gruppo IKEA celebra l'IDAHOT in tutto il mondo.
Quali iniziative ha preso il Gruppo IKEA?
L’anno scorso abbiamo lanciato un piano di inclusione delle persone LGBT+ a livello globale. L’obiettivo è quello di creare un metodo di lavoro coerente per gestire l’inclusione delle persone LGBT+ in tutte le organizzazioni del Gruppo IKEA.
Abbiamo aderito a Workplace Pride e Stonewall, due organizzazioni che si impegnano a migliorare la vita delle persone LGBT+ negli ambienti di lavoro, in tutto il mondo.
Abbiamo partecipato alla stesura degli Standard di condotta dell’ONU per combattere la discriminazione nei confronti delle persone LGBT+ nei luoghi di lavoro e nella comunità, e li abbiamo sottoscritti.
Dal 2017 festeggiamo in tutto il mondo sia l’IDAHOT che il National Coming Out Day. A breve avvieremo la prima fase del nostro piano globale per l'inclusione delle persone transessuali.
Questo cosa significa per i co-worker del Gruppo IKEA?
Significa dare a ognuno la possibilità di essere se stesso sul lavoro. Ma significa anche capire che l’inclusione delle persone LGBT+ è responsabilità di ogni co-worker ed è possibile solo se tutti credono in un ambiente di lavoro inclusivo e vogliono farne parte. Da ogni co-worker ci aspettiamo che difenda i propri diritti e quelli degli altri, facendo in modo che tutti si sentano inclusi.
La diversità in tutte le sue declinazioni
Nel Gruppo IKEA siamo aperti alla diversità in tutte le sue declinazioni. Un ambiente di lavoro vario e inclusivo è positivo per i nostri collaboratori, per i nostri clienti e per il nostro business. Nel lavoro, la diversità ci aiuta a crescere sia come persone, sia come organizzazione.
Due collaboratrici IKEA si abbracciano.
Uguaglianza di genere
L’uguaglianza di genere è un diritto umano. Una grande ambizione del Gruppo IKEA è quella di raggiungere una parità di genere che vada oltre il perfetto equilibrio (50/50%) tra uomini e donne, in tutti i livelli e le posizioni. Uguaglianza di genere significa anche creare una cultura inclusiva nella quale ogni persona viene valutata per il suo contributo unico, al di là del genere di appartenenza.
Questo è il motivo per cui... ci impegniamo per l'uguaglianza di genere da oltre un decennio. Siamo orgogliosi di far parte del primo UN High-Level Panel on Women's Economic Empowerment, allo scopo di aiutare le donne a sbloccare il loro potenziale al fine di partecipare efficacemente all'economia e raggiungere l'indipendenza finanziaria.
Collaboratore IKEA che parla con due clienti.
LGBT+
Sosteniamo il diritto dei collaboratori LGBT+ di essere se stessi. Offriamo pari opportunità per crescere all'interno del Gruppo IKEA e per contribuire al successo del nostro business. Ci impegniamo attivamente per creare un ambiente di lavoro completamente inclusivo, favorendo un cambiamento positivo in tutte le aree della nostra attività e nella società.
Questo è il motivo per cui... abbiamo aderito a Workplace Pride, un'organizzazione ombrello non profit che si impegna a garantire una maggiore accettazione delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender (LGBT) negli ambienti di lavoro. Questo è anche il motivo per cui abbiamo approvato e contribuito all'UN Standards of Conduct for Business on Tackling Discrimination against LGBT+, lanciato a livello globale nel mese di settembre 2017.
"L'INCLUSIONE È UNA RESPONSABILITÀ DI OGNUNO DI NOI" - IKEA
"L'INCLUSIONE È UNA RESPONSABILITÀ
DI OGNUNO DI NOI"
Inclusione
Nel Gruppo IKEA inclusione significa creare un ambiente di lavoro in cui i nostri collaboratori hanno successo poiché si sentono accettati, rispettati, supportati e apprezzati. Significa creare un'infrastruttura attraverso la collaborazione; infine, significa agire in modo inclusivo ogni giorno e sfruttare al meglio la diversità.
La collaboratrice Irina Sukhareva spiega il suo punto di vista su diversità e inclusione in IKEA in Russia.
Irina Sukhareva,
Distribution Centre Manager e Ambasciatrice di Diversità e Inclusione di IKEA Russia.
A purple square
Inclusion in practice
A truly inclusive workplace contributes to our creativity and business results.
Ciao Irina! Raccontaci del tuo lavoro nel Gruppo IKEA.
Sono arrivata in IKEA nel 2004 e ho ricoperto diversi ruoli nell’ambito delle Risorse Umane. Nel gennaio del 2016 ho iniziato il mio attuale lavoro come responsabile del Deposito centrale.
Ciò che più amo del mio lavoro è vedere i risultati che possiamo ottenere e il contributo positivo che possiamo dare quando lavoriamo insieme. È straordinario e stimolante vedere come possiamo cambiare, crescere e svilupparci come persone, se cominciamo ad ascoltarci l’un l’altro.
Nel 2015 sono diventata ambasciatrice di diversità e inclusione (D&I). I temi della diversità e dell’uguaglianza mi hanno sempre appassionata per via della mia storia personale. La mia famiglia si spostava abbastanza spesso e so bene cosa significhi essere una “straniera” in un posto nuovo.
Provengo anche da una famiglia multiculturale e so come si sentono le persone che appaiono “diverse” dagli altri. Sono stata felicissima di entrare nella rete di ambasciatori di diversità e inclusione dopo un fantastico workshop su D&I in Russia per i leader delle diverse organizzazioni.
Diversità e inclusione sono tra i valori fondamentali di IKEA. Cosa significa questo per te?
Apprezzo molto il fatto che l’attenzione per le persone, la diversità e l’inclusione siano radicati nella nostra visione e nei nostri valori. Poiché siamo un’azienda attenta alle persone, crediamo che tutti abbiamo il diritto di essere trattati equamente e di avere pari opportunità, qualunque sia il nostro background.
Mi sento orgogliosa quando vedo come cambiano le persone e come spesso comincino a fiorire quando trovano un’azienda in cui possono essere se stesse, dove si sentono accettate, dove vedono nuove opportunità e dove possono crescere personalmente e sviluppare le proprie competenze.
Dieci anni fa la distribuzione era considerata un settore prettamente maschile. Ricordo che all’inizio avevamo una sola donna nel nostro reparto operativo. È stata una grande sfida convincere le donne che anche loro potevano fare gli stessi lavori degli uomini e caricare un camion o guidare un muletto con altrettanta competenza!
Ora la situazione è cambiata in meglio e vedere una collaboratrice donna non è più una sorpresa. È fantastico! La diversità, in un team, ci aiuta a migliorare e a diventare sempre più efficienti.
La collaboratrice Alejandra Pinol spiega il suo punto di vista su diversità e inclusione in IKEA in Cina.
Alejandra Piñol,
Country Human Resources Manager e Ambasciatrice di Diversità e Inclusione di IKEA Cina.
Ciao Alejandra! Raccontaci del tuo lavoro nel Gruppo IKEA.
Sono Country Human Resources Manager in Cina. Sono responsabile delle risorse umane a livello nazionale, con il compito di tradurre la nostra visione in azione. Credo che sia molto importante osare sognare in grande, essere capaci di trasformare questo sogno in un programma concreto, e portare avanti questo programma in modo coerente e influenzando chi ci sta attorno, per contribuire allo sviluppo del business e avere un impatto positivo sulla vita delle persone.
In Cina vogliamo mettere le persone al centro di tutto, e dare la possibilità a ognuno di noi di essere leader e di lasciarsi guidare dalle opportunità con una mentalità imprenditoriale. Pensiamo che il cambiamento cominci da ognuno di noi e ci impegniamo a essere la migliore versione di noi stessi.
Essere la migliore versione di noi stessi è vantaggioso per tutti: per le singole persone ma anche per l’azienda... Conviene davvero!
Diversità e inclusione sono tra i valori fondamentali di IKEA. Cosa significa questo per te?
Penso sia fantastico lavorare per un’azienda così attenta alla diversità e all’inclusione. Le iniziative in questo campo sono estremamente valide e incoraggiano i paesi a colmare le eventuali lacune.
In Cina, in particolare, sono orgogliosa della parità di genere per quanto riguarda il trattamento equo e la percentuale di uomini e donne in azienda. Nel 2017, infatti, abbiamo raggiunto l’equilibrio (50/50%) tra uomini e donne a tutti i livelli di leadership, oltre alla pari retribuzione per tutti gli incarichi di uguale valore. Sono felice di far parte della rete D&I. Insieme vogliamo creare un ambiente di lavoro diversificato e inclusivo, che abbia un impatto positivo sul nostro business e sulla società. Io penso che se sogni da solo, il tuo sogno resta solo un sogno; ma se sogniamo tutti insieme, questo sogno è l’inizio di una nuova realtà.
L’UGUAGLIANZA È UNA BUONA IDEA
L’inclusione è responsabilità di tutti – IKEAL’inclusione è responsabilità di tutti – IKEAL’inclusione è responsabilità di tutti – IKEA
Per questo il Gruppo IKEA vuole creare un ambiente di lavoro dove tutte le persone possano avere successo, indipendentemente dal genere, in ogni parte del mondo, 365 giorni all’anno.
Grey line
In IKEA Svizzera tutti sono trattati con equità, in ogni caso.
Noi di IKEA Svizzera siamo convinti della validità e dell’importanza della parità tra uomo e donna non soltanto per l’azienda, ma anche per i nostri collaboratori e per i clienti. Quando gli individui ricevono l’opportunità di evolversi, a prescindere dal sesso o dalla personalità, tutti ne beneficiano. Ci impegniamo pertanto affinché le differenze non siano causa di ingiustizia. Ecco perché, che si tratti di un uomo o di una donna, per la stessa mansione paghiamo lo stesso salario. Desideriamo che i novelli papà possano trascorrere tempo a sufficienza con i loro bambini: dal 2017 essi possono ottenere un congedo di paternità fino a 2 mesi. Nel management, il 50% dei dirigenti è di sesso femminile. Il nostro impegno si estende inoltre anche alla LGBT+ Community, ai rifugiati e ai modelli di lavoro flessibili. Il tema della parità di diritti non si esaurisce oggi, ma si ripropone ogni giorno.
L’UGUAGLIANZA È UNA BUONA IDEA
Parità in ogni caso
L’uguaglianza è una buona idea, anche in Giappone.
Per questo IKEA Retail Japan riconosce la stessa retribuzione oraria ai collaboratori full-time e part-time.
“Il 50% dei manager sono donne, a fronte di una media nazionale giapponese del 12,7%.”
L’uguaglianza è una buona idea, anche in Corea del Sud.
Per questo IKEA Retail South Korea ha creato un servizio di asilo che permette a mamme e papà di andare al lavoro tranquilli, sapendo che qualcuno si prende cura dei loro figli.
“Le donne che prima trovavano impossibile conciliare figli e carriera ora possono continuare a crescere professionalmente.”
L’uguaglianza è una buona idea, anche in Giappone.
“Il 50% dei manager sono donne, a fronte di una media nazionale giapponese del 12,7%.”

La maggioranza dei collaboratori part-time in Giappone sono donne e la retribuzione oraria di un lavoratore part-time è inferiore a quella di un lavoratore full-time. Di conseguenza, le donne giapponesi guadagnano meno e hanno meno indipendenza e opportunità di carriera.
Poiché sappiamo che l’uguaglianza è una buona idea, questa situazione andava cambiata. IKEA Retail Japan ora riconosce la stessa paga oraria a parità di incarico, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, part-time o full-time. E la possibilità di lavorare part-time riguarda anche le figure manageriali, così i genitori possono continuare a crescere in IKEA Retail Japan.
IKEA Retail Japan, inoltre, ha aumentato le sue ore lavorative per i collaboratori part-time, così anche loro ora godono degli stessi vantaggi previdenziali dei co-worker full-time. Risultato: il 50% dei manager sono donne, a fronte di una media nazionale giapponese del 12,7%.
L’uguaglianza è per tutti, anche per i più piccoli.
Sostenuta da dati irrefutabili e dagli ottimi risultati, IKEA Retail Japan ora sta lavorando con il governo giapponese per promuovere l’uguaglianza di genere nelle altre aziende del paese. IKEA Retail Japan ha partecipato al Comitato di esperti del Ministero del Lavoro e della Salute nel 2015. Con altre cinque aziende, IKEA Retail Japan ha stilato le linee guida per il governo giapponese per proporre delle modifiche alle politiche di genere nella legge sul lavoro, in favore di una maggiore uguaglianza.
IKEA Retail Japan ha anche introdotto il DAGIS (che in svedese significa “asilo”). Il DAGIS è nello stesso edificio dove lavorano i genitori, che possono stare tranquilli sapendo che i loro bambini sono vicini. Nel FY18, IKEA Retail Japan ha deciso di estendere il servizio di asilo a tutte le unità.
Quando le persone hanno le stesse opportunità di crescere, indipendentemente dal genere o dal background, tutti ne traggono vantaggio. L’uguaglianza è una buona idea, in Giappone come in ogni parte del mondo.
L’uguaglianza è una buona idea, anche in Corea del Sud.
“Le donne che prima trovavano impossibile conciliare figli e carriera ora possono continuare a crescere professionalmente.”

In Corea del Sud, IKEA Retail South Korea si distingue dalle altre aziende per molte ragioni. Una delle più significative, di cui si è tanto parlato, è la creazione del DAGIS (che in svedese significa “asilo”), un servizio che permette ai genitori di tornare al lavoro dopo il congedo parentale con la tranquillità di sapere che qualcuno si prende cura dei loro bambini. Nel DAGIS, i figli dei co-worker del negozio di Gwangmyeong giocano e crescono mentre i genitori lavorano nello stesso edificio. Al momento il DAGIS di Gwangmyeong ospita i bambini di 55 famiglie. Il 98,5% di questi genitori si dice estremamente soddisfatto di questa soluzione pratica. Le donne che prima trovavano impossibile conciliare figli e carriera ora possono continuare a crescere professionalmente.
Bambini accuditi, genitori più felici.
IKEA Retail South Korea ha introdotto anche delle misure che permettono ai co-worker di trascorrere più tempo a casa con i figli appena nati. Normalmente, in Corea del Sud, è previsto un congedo di maternità di tre mesi, al 30% dello stipendio, mentre i papà hanno diritto al massimo a una settimana di astensione dal lavoro. Dal 2014, IKEA Retail South Korea offre ai suoi co-worker sei mesi di congedo maternità al 100% della retribuzione e un mese di congedo paternità retribuito, in aggiunta all’anno di congedo non retribuito che viene coperto da un sussidio del governo. Molte neomamme soffrono di depressione post-parto poiché i mariti non riescono a occuparsi dei figli e non hanno aiuti neppure dall’assistenza pubblica. In un paese dove la maggioranza delle giovani coppie pianifica di avere un solo figlio o di non averne nessuno, questa policy di congedi parentali, unita al DAGIS, fa un’enorme differenza per la vita quotidiana di molte famiglie sud-coreane.
Quando le persone hanno le stesse opportunità di crescere, indipendentemente dal genere o dal background, tutti ne traggono vantaggio. L’uguaglianza è una buona idea, in Corea del Sud come in ogni parte del mondo.

I nostri premi
Siamo stati premiati!
2° posto per IKEA Svizzera
2° posto per IKEA Svizzera
Il 16 maggio è stato premiato da «Great Place to Work» il miglior datore di lavoro della Svizzera. IKEA AG ha conquistato un magnifico 2° posto nella categoria «Grandi aziende con + di 250 dipendenti».
Certificazione EDGE
Certificazione EDGE
IKEA Svizzera è la prima azienda al mondo ad ottenere il livello di eccellenza della Certificazione EDGE per la parità di genere sul posto di lavoro.
Universum Logo
Universum
IKEA è nella classifica delle aziende più attrattive come posto di lavoro, della Svizzera e del mondo.

Lavorare con il Gruppo IKEA
Don't miss your dream job
Find more about our current job highlights.
Don't miss your dream job!
Subscribe to the newsletter now
Esperienze dei collaboratori
The many people at IKEA
Com’è lavorare con il Gruppo IKEA? Ascolta le esperienze dei nostri collaboratori/delle nostre collaboratrici.
Lasciati ispirare dalle esperienze dei nostri collaboratori/delle nostre collaboratrici