Vai al contenuto principale

Essere una grande azienda significa avere grandi responsabilità

Per noi, scegliere i materiali significa prendere decisioni responsabili. Quando non abbiamo la possibilità di usare risorse rinnovabili, optiamo per materiali riciclati o riciclabili. In tutto quello che facciamo, ci impegniamo per fare in modo che i prezzi restino bassi e che la qualità sia elevata. Il nostro impegno non riguarda soltanto i materiali, ma anche le persone, la produzione e i trasporti. Si può sempre migliorare. Collaboriamo con gli altri e sfidiamo costantemente noi stessi con l'obiettivo di garantire l’accesso a lungo termine a materie prime sostenibili e cambiare i metodi di lavoro nel nostro settore. Continua a leggere per scoprire di più sui materiali che usiamo per realizzare i nostri prodotti.

Essere una grande azienda significa avere grandi responsabilità. Il nostro obiettivo è assicurare l’accesso a lungo termine a materie prime sostenibili, scegliendo, quando possibile, materiali rinnovabili, riciclati o riciclabili - IKEA
Essere una grande azienda significa avere grandi responsabilità. Il nostro obiettivo è assicurare l’accesso a lungo termine a materie prime sostenibili, scegliendo, quando possibile, materiali rinnovabili, riciclati o riciclabili - IKEA
Poltrona VEDBO con base in legno di fianco a un primo piano del legno di betulla – IKEA

    Legno

    Il legno è un materiale fondamentale per IKEA, perché permette di realizzare prodotti che durano a lungo e che diventano sempre più belli con il passare del tempo. Ma le foreste sono ecosistemi fragili e sensibili. Oggi, tutto il legno usato da IKEA proviene da fornitori che rispettano l'IWAY Forestry Standard, che vieta l’utilizzo di legno ricavato da foreste tagliate illegalmente, da attività legate a conflitti sociali o da foreste ad alto valore di conservazione. La portata delle nostre attività implica la possibilità e la responsabilità di proteggere le foreste di tutto il mondo. Entro il 2020, il 100% del legno usato per realizzare i nostri prodotti sarà certificato FSC (Forestry Stewardship Council) o riciclato. Attualmente abbiamo raggiunto quasi l’80%. Gli standard FSC proteggono gli ecosistemi e garantiscono mezzi di sussistenza alle comunità.

    Dal 2015, tutto il cotone usato per realizzare i prodotti del nostro assortimento proviene da fonti più sostenibili. Questo significa che è stato coltivato riducendo al minimo l'uso di fertilizzanti e pesticidi, a beneficio dell’ambiente e degli agricoltori - IKEA

      Cotone

      Amiamo lavorare con il cotone perché è un materiale naturale, rinnovabile e molto traspirante. E grazie alla capacità di assorbire l’umidità, rende i nostri tessili in cotone adatti anche ai climi più caldi.

      Dal 2015, tutto il cotone usato nel nostro assortimento proviene da fonti più sostenibili. Questo significa che viene coltivato con metodi migliori, che consentono di ridurre l’uso di pesticidi e fertilizzanti, a vantaggio sia degli agricoltori che dell’ambiente. L’obiettivo è quello di sviluppare metodi di coltivazione che, tra l’altro, garantiscano una migliore gestione idrica.

      In futuro, continueremo a focalizzarci sull’uso efficiente dell’acqua e sulla biodiversità. Per raggiungere il nostro obiettivo, vogliamo fare in modo che il cotone sostenibile diventi la norma per l’intero settore, non solo per IKEA.

      La lana è un materiale durevole e resistente, ma anche naturale, rinnovabile e riciclabile – IKEA

        Lana

        La lana è un materiale durevole, naturale e resistente, perfetto per realizzare coperte, tappeti e altri prodotti per la casa. Questa fibra sostenibile si ottiene dal vello delle pecore, quindi è anche rinnovabile, oltre che biodegradabile e riciclabile.
        IKEA vuole avere un impatto positivo sulle persone, sugli animali e sul pianeta, per questo ci stiamo impegnando a trasformare tutta la lana che usiamo per realizzare i nostri prodotti in 100% lana proveniente da fonti gestite in maniera responsabile. Per raggiungere questo obiettivo entro il 2025, IKEA ha iniziato a lavorare per garantire la conformità della catena del valore alla linea guida RWS (Responsible Wool Standard). Questo standard assicura la provenienza della lana da allevamenti gestiti nel rispetto di criteri orientati al benessere animale e alla riduzione dell’impatto ambientale.

        L'uso delle fibre naturali da parte di IKEA è in costante crescita, sia che si tratti di giacinto d'acqua, sughero, fibre di banano o rattan - IKEA

          Fibre naturali

          Dal giacinto d’acqua al sughero, dalle fibre di banano al rattan, l'uso delle fibre naturali da parte di IKEA è in costante crescita. Questi materiali, oltre ad essere naturali e rinnovabili, permettono anche di realizzare prodotti unici, dal carattere distintivo. La produzione basata su questi materiali è per lo più artigianale. Lavoriamo a stretto contatto con i tessitori e gli artigiani di molti paesi, tra cui Vietnam, Indonesia e Cina. Questa collaborazione apre le porte a grandi opportunità di co-creazione, a nuove idee da cui trarre ispirazione e a nuove conoscenze nell'ambito della produzione.

          Cerchiamo costantemente nuovi modi per utilizzare materiali di scarto e riciclabili e trasformarli in soluzioni pratiche e di design, come i frontali per cucina KUNGSBACKA - IKEA

            Materiali di scarto/riciclati

            In IKEA, quando possibile, usiamo materiali riciclati. Legno, plastica, carta e metallo sono solo alcuni di quelli con cui amiamo lavorare. La differenza tra materiali di scarto e riciclati è che i primi sono avanzi di altre produzioni, mentre i secondi provengono dal riciclaggio di prodotti usati. Ma è molto di più: la scelta di lavorare con questi materiali riflette anche il nostro modo di pensare e di sviluppare i prodotti. Infatti, il nostro obiettivo è quello di progettare articoli che possano essere riciclati al termine del proprio ciclo di vita, così da ridurre al minimo i rifiuti. Ecco perché cerchiamo sempre nuovi modi per utilizzare materiali di scarto e riciclabili e trasformarli in soluzioni pratiche e di design per la casa, come i frontali per cucina KUNGSBACKA.

            Abbiamo intrapreso un percorso che ci porterà a usare solo plastica riciclata e/o rinnovabile. Oggi circa un terzo dei nostri articoli in plastica è realizzato con risorse riciclate e/o rinnovabili - IKEA

              Plastica

              Abbiamo intrapreso un percorso che ci porterà a usare solo plastica riciclata e/o rinnovabile. La maggior parte della plastica deriva dal petrolio, ossia da una risorsa non rinnovabile. Ecco perché cerchiamo di usare il più possibile plastica riciclata o rinnovabile nei nostri prodotti. Oggi, circa un terzo dei nostri articoli in plastica è realizzato con risorse rinnovabili e/o riciclate. PET, PE e PP sono tre tipi di plastica tra i più usati nei prodotti IKEA, e tutti sono conformi alle norme di legge e agli standard di sicurezza più severi. Nel nostro processo produttivo abbiamo requisiti precisi sull’uso di prodotti chimici e di altre sostanze, che tengono conto della salute delle persone e dell’impatto sull’ambiente.

              Tavolo in bambù di fianco a una serie di canne di bambù in diverse sfumature di verde – IKEA

                Bambù

                Il fatto che il bambù sia una delle piante che crescono più velocemente al mondo è uno dei motivi per cui ci piace lavorare con questo materiale. È durevole e resiste all’umidità. Abbiamo diviso il bambù in tre categorie, a seconda del processo e del prodotto finale:
                Fibre naturali: le fibre vengono intrecciate, arrotolate o pressate.
                Bambù industrializzato: il bambù viene separato in strati sottili e incollato per formare pannelli diversi.
                Multistrato: impiallacciatura di bambù pressata. Oltre il 90% del bambù che usiamo per realizzare i nostri prodotti cresce in Cina e nel 2016 era quasi tutto certificato FSC. Il conseguimento della certificazione è stato un percorso lungo e ora il nostro obiettivo è implementare questi standard per sviluppare il settore del bambù anche in India e Vietnam.