Vai al contenuto principale

    Insieme per creare il cambiamento

    I tappeti fatti a mano sono molto popolari per la loro arte unica e la loro ricca storia. D'altra parte, la tessitura dei tappeti è stata spesso collegata a condizioni di lavoro sfavorevoli e allo sfruttamento da parte degli intermediari.

    Noi di IKEA crediamo che dovrebbe esserci un modo per lavorare con i produttori, per mantenere la qualità e la sensazione di un tappeto fatto a mano, e allo stesso tempo migliorare radicalmente le condizioni di lavoro. E come si è scoperto, questo modo esiste.

    Condizioni migliori, prodotti migliori

    IKEA ha avviato questa iniziativa nel 2012 e oggi ha diverse partnership con imprenditori sociali che danno lavoro agli artigiani locali nelle comunità più vulnerabili del mondo. Le imprese sociali con cui collaboriamo sono principalmente gruppi di auto-aiuto e cooperative gestite da donne. La possibilità di guadagnare uno stipendio permette loro di ottenere rispetto e di creare un futuro migliore per le proprie famiglie.

    Tessitura di tappeti -
    com'era

    In India e Bangladesh, la tessitura dei tappeti è stata tradizionalmente considerata un reddito secondario. Il lavoro veniva svolto a casa o in fabbriche non regolamentate, e i lavoratori hanno spesso dovuto affrontare una realtà di ordini, lavoro e reddito irregolari e imprevedibili. Oltre a questo, gli agenti controllavano il business e guadagnavano soldi.

    Un’artigiana che tesse a mano un tappeto - IKEA

    Una nuova soluzione per un risultato migliore

    Nel 2010 IKEA ha dato il via a un’iniziativa per cambiare la produzione dei tappeti. In collaborazione con fornitori di India e Bangladesh, ha creato dei centri di tessitura regolamentati che hanno migliorato le condizioni dei tessitori da molti punti di vista.

    «
    Per prima cosa abbiamo fornito ai tessitori un lavoro regolare in un ambiente sicuro, con salari legali e regolamentati oltre a vantaggi come vacanze e trasporti. Abbiamo anche creato due scuole, dove i tirocinanti vengono pagati mentre stanno imparando.
    »

    Kushal Chakravorty, IKEA Business Development Manager

    Due donne con tappeti fatti a mano.

    Il nostro obiettivo è quello di creare dei centri di tessitura vicino ai luoghi dove vivono i tessitori e gli altri operai, in modo da non costringerli a trasferirsi con la famiglia per trovare lavoro. Inoltre abbiamo modificato il processo di tessitura, sviluppando un nuovo telaio che richiede meno forza fisica e quindi dà la possibilità anche alle donne di svolgere questo lavoro, con tutti i vantaggi che un impiego e una maggiore stabilità economica comportano. Abbiamo anche deciso di non brevettare il nuovo telaio, così tutti potranno usarlo.

    «
    Lavoro con il nuovo telaio da sei mesi ed è decisamente migliore. Non affatica la schiena e non è più necessario essere in due.
    »

    Tabassum, tessitore

    Tappeto IKEA PS fantasia.

    Tenere vive le tradizioni

    Migliorare le condizioni dei tessitori ha un impatto positivo sulla società, sull'approvvigionamento dei prodotti e sull’ambiente. Non solo. Rende anche accessibile a tutti la tradizione artigianale e unica dei tappeti fatti a mano. Perché questi ultimi, oltre a essere degli elementi d'arredo, sono anche delle vere e proprie opere d’arte.

    Tappeti fatti a mano