Vai al contenuto principale

Un grande party in un piccolo spazio, parte 2

Vivere in una piccola casa non significa dover rinunciare a invitare parenti o amici per la notte e a godere della loro compagnia. Con la giusta organizzazione, infatti, anche un piccolo soggiorno si trasforma in un'accogliente camera per gli ospiti. Ecco qualche consiglio.

Un ambiente in stile rustico, materassi pieghevoli sul pavimento con accanto delle luci notturne a LED - IKEA
Un ambiente in stile rustico, materassi pieghevoli sul pavimento con accanto delle luci notturne a LED - IKEA

Divano di giorno, letto di notte

Passare dalla cena al pigiama party è uno scherzo con i materassi pieghevoli. Facili da spostare, si stendono in un attimo per ricavare dei comodi letti. Al mattino, basta ripiegarli, accostarli uno all'altro e aggiungere qualche cuscino per formare un divano.

L'ospitalità dove meno te l'aspetti

Per rendere i preparativi per la notte più scorrevoli basta pensare in anticipo alle necessità degli ospiti. Far trovare a ognuno una custodia contenente tutto l’occorrente per dormire appesa alla parete con dei ganci è una soluzione pratica e originale per darsi la buona notte senza stress.

Un’accoglienza che mette di buon umore

Ricevere gli ospiti con un pensiero personalizzato contribuisce alla riuscita della serata (clicca sul link in fondo alla pagina per altri suggerimenti). Una confezione con gli accessori per la notte, come pantofole, spazzolino e una simpatica luce notturna a LED, li farà sentire subito a casa loro.

Luci d’atmosfera

La festa è finita, ma l'atmosfera è ancora accesa. Un'illuminazione calda e soffusa aiuta a preparare mente e corpo al riposo, mentre si fanno le ultime chiacchiere prima della buona notte.

Ci piace vedere fino a che punto arriva la creatività dei nostri clienti con i prodotti IKEA. Ricorda però che le modifiche apportate al prodotto rispetto alla sua forma e alla sua funzione originale fanno decadere la garanzia e il diritto al reso.

REALIZZATO DA
Interior designer: Saša Antić
Foto: Fredrik Bjelkerud
Copywriter: Henrik Annemark