Vai al contenuto principale
Passa all'elenco dei prodotti

Piani di lavoro

Piani di lavoro

I nostri piani di lavoro in pronta consegna e su misura sono testati per resistere alle sfide quotidiane della cucina, come liquidi versati, olio, cibo e graffi: in questo modo, hai la certezza che dureranno nel tempo. Puoi scegliere tra diversi stili: quarzo, acrilico, legno massiccio e altri ancora.

Una mano che strofina un panno bianco sulla superficie di un piano di lavoro in legno.

I piani di lavoro in legno trattati con l’olio STOCKARYD durano di più, resistono all'acqua e appaiono più curati.

La cucina è spesso definita il cuore della casa e non potrebbe essere altrimenti. È il posto dove si celebrano i riti quotidiani e i grandi eventi e il luogo in cui infondere tutta la tua passione e ambizione in piatti deliziosi e gustose pietanze.

Ecco perché la scelta del piano di lavoro è così importante. La zona del piano di lavoro è il punto focale della stanza, per questo occorre valutarne con attenzione il materiale, l’aspetto e la funzionalità. Le possibilità spaziano da soluzioni in quarzo, dalle linee essenziali e pulite alle varianti con rivestimenti effetto legno, per un’atmosfera familiare più calda.

Il piano della cucina è anche un'area di lavoro, per cui è importante considerare la praticità dei materiali, a seconda che si voglia privilegiare la resistenza al calore, per poter maneggiare pentole e padelle calde, la resistenza ai graffi e alle crepe o la resistenza alla levigatura e alla lucidatura, per mantenere sempre l'aspetto originario. In ogni caso, siamo qui per aiutarti.

Ecco alcuni consigli per scegliere i piani di lavoro o i piani cucina per la tua casa.

Piani di lavoro in pietra: Quarzo

Le pietre come il quarzo permettono di realizzare piani cucina robusti e resistenti. Il materiale solido e durevole regala alla cucina un’atmosfera ricercata e sontuosa. L’elevata resistenza ai graffi e la facilità di pulizia li rendono inoltre molto pratici.Nonostante i numerosi pregi, questi piani di lavoro presentano anche alcuni difetti da non trascurare: possono accumulare troppo calore e sono difficili da installare senza l’aiuto di un professionista.

Piani di lavoro in legno: legno massiccio e spesse impiallacciature

Oltre a essere estremamente pratici, i piani di lavoro in legno sono la soluzione ideale per aggiungere un tocco di naturale bellezza alla tua cucina. Il legno resiste naturalmente a germi e batteri e, soprattutto quando è spesso, è molto resistente alle rotture e alle crepe. Con una buona manutenzione, un piano di lavoro in legno può durare una vita intera e acquista bellezza con il passare degli anni. Un aspetto da considerare con i piani di lavoro in legno massiccio o con impiallacciatura spessa è la manutenzione. Sui piani in legno, l'acqua e le macchie devono essere rimosse immediatamente per evitare danni. Il legno non è particolarmente resistente ai graffi, ma i graffi si possono levigare facilmente. Il piano di lavoro deve essere inoltre oliato frequentemente per evitare che il legno si secchi.

Piani di lavoro in plastica: acrilico e laminato

I piani di lavoro in plastica sono pratici, flessibili e accessibili. Sia i piani in acrilico che quelli in laminato sono completamente impermeabili e facili da pulire. È possibile avere piani in laminato effetto legno o pietra senza spendere una follia. L'acrilico inoltre presenta una decorazione omogenea che facilita l’eliminazione dei graffi.

I piani di lavoro in plastica non sono molto resistenti. Possono essere graffiati o danneggiati da oggetti appuntiti o pesanti e non sopportano il calore delle pentole e delle padelle.

Piani di lavoro in ceramica

La ceramica è un materiale raffinato per piani di lavoro di alto livello. Altamente durevole e resistente al calore e all’umidità risulta anche piuttosto facile da pulire, sempre che per te non sia un problema passare di tanto in tanto le fughe con uno spazzolino.

La ceramica in ogni caso è soggetta a graffi che non sono facilmente eliminabili e potrebbe rompersi se subisce l’urto di oggetti pesanti. Inoltre, la ceramica non si può riparare, per cui, per eliminare eventuali graffi o crepe occorre sostituire la piastrella.