Vai al contenuto

La nostra ricerca sul segreto di una vita equilibrata in casa

Un approccio equilibrato al benessere mentale è essenziale per vivere al meglio la vita, e noi di IKEA crediamo che cominci dalla casa. Un luogo per dare spazio al benessere mentale. Ma volevamo saperne di più. Per questo, nell’ambito del nostro Report Life at Home di quest'anno, abbiamo chiesto a migliaia di persone in tutto il mondo di condividere con noi la loro esperienza su cinque aspetti fondamentali che associano la casa al benessere mentale.

Ecco cosa abbiamo scoperto…

Relazioni

Risultati principali: le relazioni familiari si sono rafforzate vivendo di più a casa mentre alcune amicizie ne hanno sofferto.

La pandemia ha avvicinato molti di noi, con il 42% degli intervistati che afferma di aver migliorato la propria relazione con i familiari più stretti durante lo scorso anno. Anche alcune amicizie ne sono uscite più forti, ma molte ne hanno sofferto. Infatti, una persona su cinque dichiara che la pandemia ha avuto un impatto negativo sulle proprie amicizie. Questo potrebbe derivare dalle restrizioni, che ci hanno reso più selettivi nella scelta dei rapporti da coltivare. Per il benessere mentale è la qualità che conta, non la quantità.

Cosa cerchi nella casa ideale? 
Il 31% degli intervistati afferma che avere famiglia e amici vicini è diventato più importante negli ultimi 12 mesi.


Comunità

Risultati principali: le relazioni all’interno di una comunità costituiscono un supporto emotivo e pratico.

Le comunità sono importanti, che sia il vicinato o un gruppo WhatsApp. Sono un supporto a cui ci appoggiamo sempre più spesso per soddisfare esigenze pratiche, sociali ed emotive. Il 73% degli intervistati nel mondo dichiara di aver passato più tempo nel proprio quartiere negli ultimi 12 mesi. Il 62% afferma che il senso di appartenenza al quartiere ha influito positivamente sul proprio benessere mentale.

Quando si ha confidenza con i vicini ci si aiuta a vicenda ed è bello avere qualcuno con cui parlare e condividere pensieri e opinioni.

Abdul, Regno Unito


Spazio

Risultati principali: riorganizzare lo spazio in casa per soddisfare le nostre esigenze ci fa sentire meglio.

Quest’anno abbiamo visto un grande cambiamento sull’utilizzo e l’idea che si ha della casa. In passato, le nostre quattro mura erano il rifugio dalla vita esterna. Oggi, viviamo una vita più fluida e i nostri spazi si stanno adattando. Il 60% degli intervistati afferma di aver effettuato cambiamenti importanti nell’organizzazione degli ambienti per adeguarli alle attività che vogliono, o devono, svolgere in casa.

Hai una sensazione più positiva rispetto alla tua casa?
La metà (47%) di coloro che hanno fatto uno sforzo significativo nella riorganizzazione della casa ha detto sì, mentre solo uno su tre (33%) di coloro che hanno fatto uno sforzo minimo o nullo ha dato risposta affermativa.


Rituali

Risultati principali: avere delle sane abitudini quotidiane aiuta a sfruttare al meglio il tempo passato in casa.

Tra il 2020 e il 2021 il ruolo della casa ha subito una trasformazione. Ad oggi, è un luogo in cui si svolgono diverse attività, anche produttive oltre che di relax. Questo ci ha reso più attenti all’utilizzo degli ambienti per trovare il giusto equilibrio tra le tante funzioni che la casa deve avere, riuscendo a ritagliare tempo e spazio per tutte. Un quarto degli intervistati (26%) a livello mondiale afferma che coltivare degli hobby o progetti personali è importante per mantenere il benessere mentale in casa.

Il lunedì o il martedì sono i giorni che dedico alle mie piante. Metto le cuffie, ascolto un audiolibro e mi prendo cura di loro. È un’attività che adoro e che mi dà stabilità.

Liliana, Stati Uniti


La casa del futuro

Risultati principali: si guarda a un futuro più sano e più felice, per noi stessi, le nostre famiglie e il mondo intero.

Un tempo si tendeva a programmare la vita, ora bisogna sapersi adattare. Non esiste una nuova normalità e il futuro è in continua evoluzione. Questo ha avuto un impatto sulla relazione che si ha con la casa e molti hanno cambiato le loro priorità: la vita urbana e le distanze casa-lavoro sono meno importanti che in passato. Le persone ora ricercano luoghi meno inquinati, più verdi e accoglienti dove potersi sentire al sicuro. L’84% degli intervistati dichiara che per loro è importante poter avere il controllo del posto in cui si vive.

Sei ottimista per il futuro?
Il 48% degli intervistati tra i 18 e i 34 anni ha dato risposta affermativa rispetto al 30% dei rispondenti di età superiore ai 55 anni.

Scopri di più

In uno dei più grandi progetti di ricerca di questo genere, abbiamo chiesto a più di 34.000 persone di condividere le loro idee ed esperienze sulla relazione tra vita in casa e benessere mentale. Leggi il report completo per conoscere cosa abbiamo scoperto.

Esplora il Report Life at Home di IKEA

Leggi di più sulla vita in casa