IKEA e la nuova legislazione europea sulle sostanze chimiche, REACH


  • Tutti i prodotti IKEA destinati a tutti i mercati, a livello globale, devono essere conformi alle restrizioni sui prodotti chimici previste dal regolamento europeo REACH.
  • I prodotti IKEA devono sempre essere sicuri per la salute umana e per l'ambiente. Ecco perché abbiamo deciso di ridurre o abolire l'utilizzo di sostanze e prodotti chimici potenzialmente pericolosi per le persone e l'ambiente e di optare per le alternative migliori, quando possibile.
  • I requisiti previsti dal Regolamento dell’Unione Europea REACH sono in linea con l’orientamento di IKEA nei confronti delle sostanze chimiche. I principi di precauzione e sostituzione sono alla base del metodo di gestione delle sostanze chimiche sia di IKEA sia del Regolamento REACH.
  • IKEA utilizza costantemente prodotti chimici cercando di eliminare gradualmente le sostanze potenzialmente pericolose. Alcuni esempi: già da tempo IKEA ha abolito spontaneamente l’utilizzo del PVC, permettendone l’uso solo nei cavi elettrici (decisione del 1991), e ha vietato ritardanti di fiamma trattati con bromuro organico nei mobili (in vigore dal 2000) e vernici e lacche con emissioni di formaldeide in tutti i prodotti (in vigore dal 1993).
  • In base alle informazioni attualmente disponibili, non esistono prodotti IKEA contenenti sostanze altamente pericolose, SVHC (Substance of Very High Concern), presenti nella “candidate list” proposta da REACH (ottobre 2008), ad eccezione degli ftalati utilizzati nel PVC di alcuni cavi per illuminazione. Sono stati identificati possibili materiali alternativi per i cavi e verranno introdotti dopo la valutazione degli elementi legati alla sicurezza..
  • L’osservanza di IKEA dei requisiti REACH è in linea con l’approccio di IKEA nei confronti delle sostanze chimiche. Ad esempio, IKEA ha attuato con la massima rigidità la richiesta di ridurre allo 0,1% le sostanze altamente pericolose, basando tale percentuale sul singolo materiale omogeneo e non sull’intero articolo. In questo caso, l’interpretazione di IKEA può differire da quella di altri, il che significa che IKEA supera addirittura i requisiti REACH.
  • Se un paese adotta una norma più limitativa in materia di salute, sicurezza e ambiente, questa viene introdotta in tutti i mercati in cui IKEA è presente, quando possibile. Per le sostanze chimiche utilizzate nei nostri prodotti, le restrizioni sono indicate in una specifica interna all’azienda chiamata “Composti e sostanze chimiche” (“Chemical compounds and substances”). Insieme ad altri requisiti e dichiarazioni su materiali e prodotti, questa specifica è vincolante anche per i fornitori IKEA. Per verificare il rispetto dei requisiti richiesti eseguiamo controlli a campione condotti da terzi.
  • IKEA è a conoscenza dei nuovi obblighi di informazione riguardanti i livelli oltre lo 0,1% di SVHC in qualsiasi prodotto. Nel caso in cui IKEA dovesse rilevare la presenza di tali prodotti nel suo assortimento, non solo comunicherà il nome della sostanza chimica come richiesto dal Regolamento, ma spiegherà anche la ragione per cui tale sostanza è presente nel prodotto. Comunicherà inoltre tutte le possibili conseguenze per l’utente.

Welcome inside

Welcome inside
Scarica Yearly Summary del Gruppo IKEA.

Per saperne di più

Scarica il nostro Codice di Condotta e altri documenti.

Lavora con noi

Quando tu cresci,
IKEA cresce con te.

Sala stampa

Qui trovi le persone da contattare e gli ultimi comunicati stampa.