Le nuove tecniche si diffondono tra i coltivatori

Nel Maharashtra, stato centrale dell’India, Sundar Borude è diventato un convinto sostenitore del progetto, nonché un modello per i suoi vicini. Come molti agricoltori locali, anche lui si sforzava per riuscire a guadagnarsi da vivere con il lavoro sui campi. La svolta è avvenuta tre anni fa, quando Sundar si è rivolto al centro risorse agricole locale.

“Cercavo consigli su come guadagnare di più, l’ambiente non era certo tra i miei primi pensieri. Invece ho imparato molto sulla coltivazione sostenibile e così, quando è partito questo progetto, mi hanno chiesto di fare da trainer per contribuire a diffondere metodi di coltivazione migliori nel mio villaggio.”

Sundar ha dato l’esempio mettendo in pratica i nuovi insegnamenti nella propria piantagione. “Ho aumentato il numero di piante per acro, senza però incrementare la quantità di concimi chimici, pesticidi e acqua. Adesso anche i miei vicini vogliono imparare a fare altrettanto.”

Grazie ai maggiori guadagni, Sundar è anche riuscito a investire in un sistema di irrigazione a goccia. “L’irrigazione a goccia è molto più efficace della vecchia tecnica ad allagamento dell’intero campo, che disperde la maggior parte dell’acqua e, di conseguenza, delle sostanze nutrienti. Ora le piante ricevono l’acqua solo quando e dove serve. Niente sprechi.”

I risultati e i consigli pratici di Sundar Borude servono a convincere anche i vicini più scettici che è davvero possibile migliorare il raccolto e guadagnare di più utilizzando meno acqua e meno prodotti chimici.

Oltre agli esperimenti sul campo sono previsti corsi teorici per i coltivatori che desiderano imparare a trasmettere le proprie conoscenze anche ad altri agricoltori del villaggio.

Spruzzare sostanze chimiche è costoso e pericoloso, ma serve per evitare che un attacco di parassiti rovini il lavoro di un anno intero. Sundar Borude insegna loro a riconoscere preventivamente gli insetti utili da quelli dannosi e a spruzzare estratti vegetali sicuri.

Le trappole a feromoni permettono di controllare il tipo e il numero degli insetti presenti nei campi per evitare di spruzzare inutilmente pesticidi.

Vengono recuperate le antiche conoscenze su compost e concime, diminuendo così l’uso di costosi fertilizzanti artificiali. Con l'aggiunta di materiale organico nel suolo, si riduce notevolmente la quantità di acqua necessaria.

 

Per saperne di più

Scarica il nostro Codice di Condotta e altri documenti.

Lavora con noi

Quando tu cresci,
IKEA cresce con te.