LE PERSONE E LE COMUNITÀ LOCALI

Le persone prima di tutto

Donne e bambini in India
Vogliamo contribuire a creare una vita migliore per le persone e le comunità nelle aree in cui operiamo. È sempre stato il nostro obiettivo e oggi è ancora più importante, perché il Gruppo IKEA cresce nel mondo. Scarica il Report sulla Sostenibilità 2013 di IKEA (PDF)
LE PERSONE E LE COMUNITÀ LOCALI: IKEA FOUNDATION | INIZIATIVE | FORNITORI | DIRITTI UMANI
IKEA FOUNDATION
Migliorare le opportunità per l’infanzia
Tutti i bambini hanno diritto a una casa, un’infanzia sana e sicura, un’istruzione di qualità e un reddito sostenibile in famiglia. IKEA Foundation sostiene i programmi di grandi organizzazioni umanitarie, come l’UNICEF e la Clinton Health Access Initiative, per aiutare i bambini e i ragazzi delle comunità più povere del mondo a costruire un futuro migliore per sé e per le proprie famiglie. I programmi finanziati attualmente coinvolgeranno 100 milioni di bambini entro la fine del 2015.
Visita il sito di IKEA Foundation per maggiori informazioni
Due bambini in un campo profughi
Ogni anno IKEA Foundation devolve in beneficenza decine di milioni di euro ricavati dagli utili di IKEA.
3 modi in cui IKEA Foundation aiuta i bambini
MODI IN CUI IKEA FOUNDATION AIUTA I BAMBINI
Una bambina a scuola
Sostegno a donne e bambine
Se aiutiamo le donne, dando loro un’istruzione, una formazione professionale, l’assistenza medica o dei prestiti per avviare una piccola attività, possiamo migliorare le condizioni di salute dei bambini, la scolarizzazione e le opportunità per il futuro. IKEA Foundation finanzia programmi di sostegno che danno maggiore indipendenza sociale ed economica alle donne, contribuendo ad aumentare il benessere delle famiglie. Visita il sito di IKEA Foundation per maggiori informazioni sui programmi di sviluppo sociale
Un bambino in un campo profughi
Una vita migliore per i rifugiati
Ogni anno milioni di bambini sono costretti ad abbandonare la propria casa a causa di guerre e calamità naturali. IKEA Foundation sta supportando l’Agenzia ONU per i Rifugiati con 76 milioni di euro, per fornire alloggi, assistenza e istruzione alle famiglie di profughi in Etiopia, Sudan e Bangladesh. Visita il sito di IKEA Foundation per scoprire come miglioriamo la vita dei bambini nei campi profughi
I bambini che non vanno a scuola sono i più vulnerabili
Combattere il lavoro minorile
Dal 2000 abbiamo donato 80 milioni di euro all'UNICEF e a Save the Children per eradicare le cause del lavoro minorile in India e Pakistan. I nostri programmi hanno già aiutato 12 milioni di bambini ad accedere a scuole migliori e ad evitare di essere costretti a lavorare. Il nostro obiettivo è quello di estendere i nostri progetti a un numero sempre maggiore di bambini. Visita il sito di IKEA Foundation per scoprire cosa facciamo per combattere il lavoro minorile
LE PERSONE E LE COMUNITÀ LOCALI: IKEA FOUNDATION | INIZIATIVE | FORNITORI | DIRITTI UMANI
Giocattolo morbido, fata
Per ogni peluche venduto IKEA Foundation dona €1 affinché sempre più bambini possano andare a scuola.
Una partnership per una buona causa
La Campagna Peluche è nata nel 2003 come partnership tra IKEA Foundation, UNICEF e Save The Children. L’idea è semplice: per ogni peluche o libro per bambini venduto dal 1 novembre al 6 gennaio, IKEA Foundation dona €1 a Save the Children per finanziare progetti di istruzione in Asia, Africa ed Europa orientale.
L’istruzione ha un impatto diretto sul benessere, la salute e il futuro delle giovani generazioni. Attraverso lo studio, i bambini imparano a conoscere il mondo e acquisiscono nuove competenze e una maggiore sicurezza nelle proprie capacità. La somma raccolta ci aiuterà a dare loro un’istruzione di qualità e a migliorare il sistema scolastico.
Qui trovi maggiori informazioni sul modo in cui verrà usata la somma raccolta. Grazie per il contributo e per aver aiutato tanti bambini ad andare a scuola e a immaginare un futuro pieno di possibilità.
Il potere dell’istruzione
Perché IKEA Foundation sostiene l'istruzione? Ci sono tanti buoni motivi, infatti l’istruzione ha un impatto diretto sul benessere, la salute e il futuro delle giovani generazioni.
L’istruzione è la miglior polizza assicurativa contro la povertà.
Ogni anno di frequenza scolastica in più fa aumentare dello 0,37% la media annuale del prodotto interno lordo (PIL).
Fonte: UNESCO 2011
L’istruzione emancipa le donne e porta grandi cambiamenti.
Per ogni anno di scuola frequentato, una bambina potrà aumentare il suo reddito di almeno il 10%. Investirà il 90% dei suoi guadagni per migliorare il benessere della sua famiglia.
Fonte: UNESCO 2011
L’istruzione riduce la mortalità infantile.
Per ogni anno di scuola frequentato, una madre riduce il rischio di mortalità infantile del 5%-10%. Un bambino nato da una madre alfabetizzata ha il 50% di probabilità in più di sopravvivere oltre i 5 anni. Fonte: UNESCO 2011
L’istruzione combatte le malattie mortali.
Le donne con un’istruzione superiore al livello primario quintuplicano la possibilità di conoscere i rischi di HIV e AIDS rispetto alle analfabete.
Fonte: UNESCO 2011
Buone notizie da tutto il mondo.
Un piccolo contributo può fare la differenza per moltissimi bambini. Dal 2003 la Campagna Peluche ha contribuito a finanziare 90 progetti in 46 diversi paesi, coinvolgendo oltre 10 milioni di bambini.
Cartina del Burkina Faso
Burkina Faso
La Campagna Peluche ha contribuito a incrementare il tasso di iscrizione alla scuola primaria nel Burkina Faso a quasi l’80% nel 2012, superando già l’obiettivo per il 2015. Maggiori dettagli qui.
Fonte: UNICEF 2013
Cartina dell'Etiopia
Etiopia
In Etiopia, l’istruzione è una leva primaria dello sviluppo. Nel 2012, 238.000 bambini, di cui 25.000 rifugiati, hanno continuato a frequentare la scuola nonostante vivessero in condizioni di estrema povertà. Maggiori dettagli qui.
Fonte: UNICEF 2013
Cartina del Madagascar
Madagascar
In Madagascar, dove l’istruzione primaria è in pessime condizioni, l’UNICEF ha distribuito oltre 57.500 kit didattici in 114 delle province più vulnerabili, nell’ambito di un programma di sostegno per costruire scuole “amiche dei bambini”. Maggiori dettagli qui.
Fonte: UNICEF 2013
Cartina dell'Albania
Albania
Grazie ai fondi raccolti nel 2010 dalla Campagna Peluche, nel 2012 Save the Children ha permesso a 33.150 bambini di iscriversi in 60 scuole di tutto il paese. Maggiori dettagli qui.
Fonte: Save the Children 2013
Cartina del Bangladesh
Bangladesh
Save the Children lavora con le ONG locali dal 2010 per migliorare la vita dei bambini nelle comunità indigene dei Chittagong Hill Tracts. A oggi il progetto ha coinvolto oltre 25.000 bambini e 14.500 adulti. Maggiori dettagli qui.
Fonte: Save the Children 2013
LE PERSONE E LE COMUNITÀ LOCALI: IKEA FOUNDATION | INIZIATIVE | FORNITORI | DIRITTI UMANI
FORNITORI
Instaurare solide relazioni
I nostri articoli devono essere prodotti rispettando i principi etici e l’ambiente. Per questo vogliamo instaurare relazioni solide e durature con i fornitori. In tutto il mondo, nelle aziende che riforniscono direttamente IKEA, lavorano circa 600.000 persone e noi vogliamo essere sicuri che a tutti questi lavoratori sia garantito un equo trattamento.
Nel 2000 abbiamo introdotto IWAY, il nostro codice di condotta per i fornitori. I nostri fornitori, a loro volta, hanno la responsabilità di comunicare i contenuti di IWAY alla propria rete di subfornitori e noi li aiutiamo a farlo. Chi non rispetta i requisiti di IWAY non può continuare a lavorare con noi.
Un’ispettrice IWAY nello stabilimento di un fornitore IKEA
Verifichiamo regolarmente che i nostri fornitori rispettino il codice IWAY, ed effettuiamo circa 1.000 audit all’anno.
Che cos’è lo Standard IWAY?
Il nostro codice di condotta, IWAY, ha un ruolo fondamentale per uno sviluppo positivo delle nostre attività. Definisce i requisiti minimi relativi all’ambiente, all’impatto sociale e alle condizioni di lavoro, cui tutti i fornitori si devono attenere.
Visitiamo regolarmente i nostri fornitori e controlliamo che lavorino rispettando i principi dello standard IWAY. Inoltre, circa 80 auditor IKEA insieme ad auditor indipendenti di terza parte, verificano formalmente il rispetto dei requisiti ambientali e sociali effettuando controlli annunciati e a sorpresa presso fornitori e subfornitori.
Lo standard IWAY appeso alla parete dello stabilimento di un fornitore
Alcuni dei punti principali dello Standard IWAY:
- No al lavoro minorile
- No al lavoro forzato e al lavoro coatto
- No alla discriminazione
- Libertà di aderire a un’associazione sindacale
- Salario minimo garantito e straordinari pagati
- Ambiente di lavoro sicuro e salutare, prevenzione dell’inquinamento di aria, acqua e suolo e riduzione dei consumi energetici. Scarica lo Standard IWAY (PDF)
Partnership con imprenditori impegnati a livello sociale
Noi di IKEA crediamo di poter attuare un cambiamento sociale. Per raggiungere questo obiettivo collaboriamo con imprenditori impegnati a livello sociale, persone che usano le innovazioni per affrontare i problemi della società e il proprio business come strumento per realizzare il cambiamento.
Attraverso queste partnership aiutiamo gli imprenditori impegnati a livello sociale a diventare autosufficienti e indipendenti, in modo da offrire alle persone appartenenti alle comunità più povere del mondo la possibilità di avere un reddito sostenibile e sviluppare le proprie capacità e attività locali per il mercato globale.
Tutto questo fa parte della visione strategica di IKEA: creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza delle persone. I prodotti unici, realizzati a mano da artigiani locali in Thailandia e in India, sono attualmente venduti all'interno di collezioni in edizione limitata in Austria, Svezia e Svizzera. Stiamo cercando delle partnership con sempre più imprenditori impegnati a livello sociale in tutto il mondo.
No Youtube Player
In aula per imparare i metodi di coltivazione sostenibili del cotone
Con il WWF per migliorare la vita dei coltivatori di cotone
Da oltre un decennio IKEA collabora con il WWF per promuovere la coltivazione sostenibile del cotone. Grazie al nostro lavoro, circa 110.000 agricoltori in India, Pakistan, Cina e Turchia hanno imparato a usare meno fertilizzanti chimici e a scegliere alternative più naturali ai pesticidi. In questo modo riducono i costi mantenendo inalterata la qualità del raccolto. I soldi risparmiati possono essere reinvestiti dagli agricoltori nei sistemi di irrigazione a goccia, che fanno risparmiare acqua, e nell’istruzione dei figli. Scopri di più sulla nostra partnership per la coltivazione del cotone (PDF)
LE PERSONE E LE COMUNITÀ LOCALI: IKEA FOUNDATION | INIZIATIVE | FORNITORI | DIRITTI UMANI
DIRITTI UMANI
Tutti hanno diritto a una vita migliore
La nostra visione di “creare una vita quotidiana migliore per la maggioranza delle persone” riguarda anche i co-worker, i clienti, i lavoratori impiegati dai nostri fornitori e le comunità in cui vivono.
Da molti anni ci occupiamo della difesa dei diritti umani, ma oggi finalmente esiste uno standard globale che aiuta le aziende a capire e rispettare alcuni valori fondamentali in materia. Sono i Principi guida su imprese e diritti umani delle Nazioni Unite, introdotti nel 2011, che intendiamo promuovere in ogni fase della nostra catena del valore. Sul rispetto dei diritti umani si basa anche il nostro codice di condotta per i fornitori, lo Standard IWAY. Scarica lo Standard IWAY (PDF)
Tutti hanno diritto a una vita migliore
Non è importante solo il materiale di cui è fatto un prodotto, ma anche le persone che lo hanno realizzato.
Una ragazzina indiana a scuola
Proteggiamo i bambini
Vogliamo agire sempre nel migliore interesse dei bambini: da quando progettiamo il nostro assortimento a quando combattiamo la piaga del lavoro minorile.
Un impegno in favore dei bambini
L’assortimento e i negozi IKEA sono progettati anche pensando ai bambini. Vogliamo seguirli nella crescita con i nostri prodotti e trasformare i negozi in aree gioco perché si sentano a casa. Collaboriamo con esperti di sviluppo infantile per individuare e capire le esigenze dei più piccoli nelle varie fasi d’età.
No al lavoro minorile
I bambini hanno il diritto di essere protetti dallo sfruttamento, dall’abuso e dall'abbandono. IKEA ritiene inaccettabile il lavoro minorile e si impegna attivamente a prevenirlo e ad eliminarlo. Nel 2000, in stretta collaborazione con Save the Children e con la consulenza dell’International Labor Organization (ILO) e dell’UNICEF, abbiamo messo a punto un codice di condotta che regolamenta chiaramente la nostra posizione in materia.
Soluzioni a lungo termine
Combattere il lavoro minorile è una grande sfida, che si può vincere solo con un approccio olistico volto a eliminarne le cause. Per questo IKEA Foundation sostiene i programmi dell’UNICEF e di Save the Children in difesa dei diritti dell’infanzia in 25.000 villaggi di India e Pakistan. Entro la fine del 2017 questi interventi coinvolgeranno 15 milioni di bambini. Visita il sito di IKEA Foundation per maggiori informazioni
POTRESTI ESSERE INTERESSATO ANCHE A:
UNA VITA PIÙ SOSTENIBILE IN CASA
L’importanza dei piccoli gesti
Scopri come consumare meno acqua e risparmiare energia e soldi a casa, grazie a miscelatori a risparmio idrico e piani cottura a induzione. Vai alla sezione Una vita più sostenibile in casa
Con i miscelatori a risparmio idrico IKEA, i consumi di acqua si riducono anche del 50%.
Installazione di pannelli fotovoltaici su un negozio IKEA
ENERGIA E RISORSE
Cambiamenti positivi
Scopri come scegliamo responsabilmente i nostri materiali e puntiamo all’indipendenza energetica. Vai alla sezione Energia e risorse